Questo non è il classico articolo dedicato a WordPress per spacciare affiliazioni con le varie compagnie di hosting ma una piccola analisi su quale tipologia di host scegliere per il vostro blog.Ovviamente questi consigli non valgono solo per WordPress ma anche per altri tipi di CMS.

Shared Hosting

Questa è la scelta più comune quando si vuole aprire un blog per molti motivi.Uno di questi è sicuramente il prezzo che solitamente si aggira attorno ai 2-3 euro al mese ed esistono un infinità di compagnie che offrono questo servizio.Molti cascano nella trappola tutto unlimited ma vi consiglio di leggere bene il TOS del servizio perché molto spesso unlimited non è mai veramente infinito anzi spesso è meno del necessario, infatti solitamente nel contratto molto spesso viene scritto tra le varie clausole che i famosi infiniti GB di traffico in realtà sono limitati a un tot di GB all ora, per non parlare del fatto che le connessioni contemporanee al database sono molto limitate(raramente superano le 6 contemporanee).I problemi cominciano quando utilizzate molti plugin database intensive che tengono occupate le poche risorse dedicate.Molte volte quando si utilizzano i servizi di shared hosting il problema è spesso il database e il suo consumo di risorse oltre il limite consentito.Quindi questo tipo di hosting è adatto a siti di piccole dimensioni che non superano le 100 visite giornaliere e che non utilizzano in modo intenso il database.

Vantaggi:

  • Prezzo molto basso
  • Facile da gestire

Svantaggi:

  • Poco adatto a siti con molte visite e/o molti plugin installati
  • Molto facile raggiungere il limite di risorse disponibili

Unmanaged VPS Hosting

Questa anche se poco conosciuta è la mia soluzione preferita.Unmanaged VPS Hosting significa avere tutti i vantaggi di un server VPS ovvero risorse dedicate al prezzo dello shared hosting.Infatti grazie a queste caratteristiche lo rende la scelta ideal per tutti coloro che hanno siti anche molto pesanti e con molte pageview ma che non si possono permettere un server dedicato.Oltre al vantaggio del basso costo  questo tipo di server è comodo anche per la sua flessibilità infatti oltre che a un classico sito/blog/forum su questo tipo di server potete anche installare applicazioni come ad esempio Teamspeak.Nonostante questi vantaggi ,molti preferiscono utilizzare lo shared hosting perchè questi vps non sono gestiti dall’ azienda che vi offre il servizio ma dovete gestirli voi, quindi diventa molto difficile per utenti inesperti utilizzare questo tipo di hosting in quanto non sono da installare tutti i componenti da se come Apache,Mysql ecc, ma c’è anche da gestire la sicurezza della propria macchina.Un’ altra difficoltà che solitamente gli utenti poco esperti si trovano davanti è decidere il quantitativo di risorse (questo vale anche per
Managed VPS Hosting e server dedicati).Se non siete in grado di decidere la cosa migliore da fare prima di un acquisto è contattare il supporto tecnico e parlare con loro che vi aiuteranno a trovare la soluzione migliore per voi.

Vantaggi:

  • Prezzo molto basso
  • Flessibilità
  • Adatto a blog anche con più di 5000 pageview al giorno

Svantaggi:

  • Difficile da gestire per utenti inesperti

Managed VPS Hosting

I server Managed VPS sono server virtuali dedicati, come i server unmanaged, ma la differenza sostanziale con questi oltre che il prezzo molto più elevato attorno ai 15 euro al mese per un vps base, è che i server managed come si può capire dal nome sono gestiti dall azienda che vi fornisce il servizio e sono forniti solitamente con cPanel che li rende molto semplici da usare.

Vantaggi:

  • Facilità di gestione
  • Adatto a siti molto visitati

Svantaggi:

  • Prezzo elevato

Server Dedicati

I server dedicati sono sicuramente la soluzione più onerosa e non adatta a blog di piccole dimensioni.Il prezzo di questi server parte da circa 50 euro mensili.Ovviamente il vantaggio principale di questo tipo di hosting sono le prestazioni; oltre che avere un intero server fisico dedicato a differenza dei vps, che sono server virtuali, molto spesso si ha anche la “connessione” dedicata a 100Mbps

Vantaggi:

  • Prestazioni elevate
  • Adatto a siti anche con più di 30000 pageview al giorno
  • Facilità di gestione

Svantaggi:

  • Costo molto elevato

Altri Consigli

Quando si sceglie quale tipologia di hosting utilizzare è buona norma tenere in considerazione anche altri 2 fattori ovvero la posizione del server e la scalabilità del servizio.

La posizione geografica del server è importante perché più la macchina è vicino agli utenti più veloce sarà il caricamento dei file,immagini ecc.Quindi se avete un sito scritto in italiano difficilmente sarà visitato da persone che risiedono in USA o comunque che non parlano italiano quindi è buona cosa scegliere un host italiano.

Per scalabilità intendo la capacità dell’ azienda di hosting di aumentare le risorse del server in base alle vostre esigenze ovvero la possibilità di passare da shared hosting a server vps e così via senza dover cambiare host.

Immagine server by brujo

Published by Andrea

Sono uno studente di ingegneria nel tempo libero mi piace costruire strani marchingegni e fare esperimenti.

Join the Conversation

  1. Avatar
  2. Avatar
  3. Andrea
  4. Avatar

5 Comments

  1. dopo due anni con un hosting italiano non proprio prestante nè molto configurabile sono passato a siteground… servizio impeccabile, balzo prestazionale incredibile (gtmetrix da 83 a 96) e caching eccellente! consigliatissimo! [NO LINK DI AFFILIAZIONE NEI COMMENTI!]

  2. Ciao bel articolo e complimenti per il blog.
    ho letto con molto interesse il tuo articolo, perché vorrei passare da un shared hosting ( sono su altervista) con cui mi trovo bene a livello Cpanel.
    Visto che amo installare numerosi plugin ( lo so che non si dovrebbe fare eheheheh) , che le pagine sono in aumento , i visitatori unici anche ( attualmente sono sui 250 al di).
    Per questi motivi vorrei passare ha un hosting che velocizzi il mio blog.
    Cosa mi consigli ?
    Tieni presente che sono un autodidatta un po’ gnuco, quindi niente di troppo complicato e tecnico.
    Ti ringrazio a prescindere e ti auguro una buona giornata.
    Saluti
    Pasquale

    1. Grazie per i complimenti :D.Per il sito tutto dipende da cosa fanno gli utenti sul tuo sito e sopratutto dal tuo budget.Se vuoi continuare con lo shared hosting ti consiglio uno tra questi 3: Bluehost,Dreamhost e Hostgator sono abbastanza economici e semplici da usare.Se invece hai qualche soldo in più (circa 30€/mese) da spendere ti consiglio un server VPS.Prima di cambiare host ti consiglio comunque di provare con Cloudflare per vedere se il tempo di caricamento migliora.Inolte utilizzando Google Pagespeed (http://developers.google.com/speed/pagespeed/insights/) ho notato che il tuo sito non è ottimizzato completamente.Prima di spendere soldi e cambiare host ti consiglio di provare ad ottimizzare il tuo sito con Cloudflare (che è gratis http://it.altervista.org/wiki/index.php/CloudFlare#Come_attivare_CloudFlare) ed ottimizzare il codice.Essendo un sito su dominio di secondo livello ti ricordo che cambiando host cambierà anche l’indirizzo del tuo sito quindi potresti essere penalizzato dai motori di ricerca.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *